Gli imprenditori italiani in Asmara e Massaua

Cicero Francesco, Antonino, Emilio

Autore: Cicero Roberto

Cicero Francesco, meglio noto come "Ciccillo" nasce a Martina Franca (Taranto)  nel 1892 da una famiglia di tipografi. Assieme alla moglie Giuseppa Miano nata a Villafranca Tirrena (Messina) il 10 agosto del 1910, ha avuto tre figli: Leo ex Consulente aziendale e Commercialista (ora vedovo)  che vive a Napoli , Armando Consulente esperto  in Comunicazione, Marketing e Pubblicità che vive a Roma con la famiglia ed ha scritto di recente il libro “Start Up - Cera una volta il lavoro” edito da Edizioni Opposto nel 2014  e Roberto imprenditore fieristico che vive a S. Giovanni in Persiceto (BO) con la famiglia.

Nel 1915 Francesco si trasferisce all'Asmara (Eritrea)  dove, con suo fratello Antonino, costituisce un’industria tipografica, mentre l’altro fratello Emilio, apre  una fabbrica di caramelle.Avviano in seguito nuove attività produttive : un mobilificio, una vetreria, un grande bazar nella principale strada di Asmara. A  Massaua (Eritrea) Francesco è proprietario  e gestore di un  grande bazar e del lido con annesso  ristorante e piano bar, nel quale contribuisce al lancio del noto cantante Renato Carosone.

Nel 1938 Cicero Francesco costituisce la prima squadra di calcio denominata "Dopo Lavoro CICERO"  con maglia arancione e costruisce in Asmara il campo sportivo “Cicero”, che esiste tutt'ora nel 2014. Nel 1949 é nominato presidente della "G.S.A  Gruppo Sportivo Asmara".Il campo sportivo in seguito fu donato alla Croce Rossa Italiana  per evitare che finisse nelle mani degli inglesi, quando sbarcarono a Massaua con l'armata indiana.

Nel 1947 la famiglia  rientra a Napoli. Qui “Ciccillo” riprende la sua originaria attività di tipografo organizzando una struttura ben attrezzata e di gran successo. Muore a Napoli nel 1956. La sua più stretta collaboratrice, la moglie Giuseppa Miano in Cicero, muore a Vignola (Modena) nel 2007.Cicero Francesco ha vissuto ad Asmara dal 1915 al 1946, mentre  la moglie Giuseppa Miano dal 1930 al 1947.

***************************************************************

Per ulteriori informazioni prego contattare:

Leopoldo Cicero
Via Posillipo, 38
80123 NAPOLI
Tel.0815756202

Roberto Cicero
Via  Samoggia Vecchia, 2
40017 San Giovanni in Persiceto (Bo)
Tel. +39 052 682612   tel. Cellulare   +39 3285971708  
email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

TUTTO DI SALVO RAP

 DROMEDARIO
Carlo sul dromedario sotto gli occhi vigili del fedele Hibraim

La mattina di Natale la Messa si celebrava al campo nei pressi del Buon Respiro. Mamma Papà e io vi ci recammo a piedi. Durante il percorso guardavo le montagne che racchiudono la conca di Ghinda proteggendola a nord dalle grandi calure della costa dancala e a sud, con il massiccio del monte Bizen e dei monti dell’altipiano eritreo, Ghinda gode dei benefici effetti sia della grandi piogge estive dell’altopiano sia di quelle poche e rare invernali del bassopiano, insomma è l’eterna primavera con temperature costanti tutto l’anno, attorno ai 25°-35° e che permettono di fare anche tre raccolti di frutta dalla stessa pianta. Giunti al Buon Respiro, sul grande piazzale fervevano i preparativi della S. Messa.  Notai alcuni camion Fiat 634, , alcune auto:  balilla, lancia, alfa romeo e anche moto Guzzi e Gilera , che  si erano fermati con i loro equipaggi per assistere alla Messa di Natale. La cerimonia all’aperto, sotto un cielo turchino fu veramente commovente, soprattutto quando durante la predica il Padre Cappuccino ricordò anche i lontani parenti rimasti in Italia  Era il primo giorno della mia vita africana e mi sentivo quasi stordito da tutto ciò che mi circondava, la natura, le genti, l’aria, gli odori; e i suoni che spesso mi giungevano trasportati dalla tiepida brezza che mi accarezzava il corpo e che non avevo mai provato prima ,avevano cominciato a stregarmi come e più di una droga, tanto che ancor oggi, a distanza di 65 anni sento sulla mia pelle quel marchio indelebile, vuoi chiamarlo mal d’Africa? Mah! Provaci tu ad avere l’esperienza che ho avuto io in Eritrea e poi saprai cos’è il vero mal d’Affrica, si, con la doppia effe come scriveva appunto Ferdinando Martini nel suo corposo  “DIARIO ERITREO”. Pranzammo al Ristorante Valbonesi, quel giorno di Natale; dopo pranzo mamma e papà si fermarono a conversare con i colleghi e alcune signore mentre io girovagavo nei dintorni cercando di scoprire il mondo fantastico della natura che mi circondava fatta di fiori, alberi giganteschi, uccelli, animali, e soprattutto della gente nativa come i sempre sorridenti bambini eritrei con cui cercavo ogni tanto di fare amicizia.

I miei primi compagni di giochi di Ghinda.078099 

A Ghinda alla sera non vi era nulla ,a quei tempi non avevamo neppure la radio mancando la corrente elettrica. In quel paesino di sogno si viveva secondo natura, non esisteva nemmeno il cinema, l’unico grande spettacolo di notte era offerto gratuitamente dalla natura: il cielo limpido e terso mostrava la grande striscia bianca della Via Lattea che attraversava il cielo da un estremo all’altro dell’orizzonte con le miriadi di stelle e costellazioni che brillano luminosissime come in nessun’altra parte del mondo. A sud, verso l’orizzonte papà ci mostrò la “Croce del Sud” e sopra di essa la costellazione del  “Centaurus”. Le notti africane, lontano dai grandi insediamenti urbani, hanno un fascino particolare; raramente sono silenziose, proprio per la mancanza dei rumori della città si riesce a sentire ogni verso di qualsiasi animale notturno; a Ghinda spesso, anche se in lontananza, si udiva il caratteristico urlo , simile alla risata umana, delle iene, che per fortuna si tenevano lontane dai centri abitati e si sentiva anche il verso delle civette e di altri uccelli e animali notturni che non riuscivo a identificare;  se aggiungi il clima dolce e mite dell’aria che ci circonda, possiamo a buon diritto parlare di Paradiso Terrestre. Tutte le mattine, il mio risveglio nella villetta di Ghinda era allietato dal canto di centinaia di uccelli che svolazzavano fra i rami degli alberi: aranci, mandarini, limoni, hannoni, zaituni.  La mattina di Santo Stefano mi alzai di buon ora  e volli subito uscire per scoprire le meraviglie della mia Africa.  Ibrahim non mi perdeva mai d’occhio, infatti ero con mamma in veranda e, sapendo quali erano le mie intenzioni, ci raggiunse e ci fece la prima lezione sul comportamento che dovevamo tenere avventurandoci in giardino.  

Carlo Di Salvo 

    ………    continua………..

 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 3

Sostieni Maitaclì

btn donate link

Nenne Sanguineti Poggi

sangiuneti-home3

Ricerca in Maitaclì
Chi è online
 28 visitatori e 4 utenti online