Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La legenda della Regina di SABA, nel Corano e nella letteratura musulmana

MaomettoIl mito secondo un’altra versione: La Regina ed il Re come vengono raccontati da MAOMETTO nel Corano e da JALÂL AD-DÎN nella sua opera; non compare Menelik il frutto del loro amore e non solo, la Regina non viene descritta particolarmente bella, anzi poco affascinante e con le gambe ed i piedi pelosi che colpirono sfavorevolmente il grande Re e che alla fine va sposa di un altro Capotribù. Il Racconto è tratto dalla rivisitazione del poema Kabra Negast da parte dell’autore inglese SIR E. A. WALLIS BUDGE Con la collaborazione di qualche studioso del Christ's College di Cambridge, di studenti Ebrei ed il Conservatore del Dipartimento delle Antichità Egizie ed Assire presso il British Museum (1932):

L'Autore del Corano dedicò una considerevole sezione della Surah XXVII, alla relazione intercorsa tra la regina di SABA ed il re SOLOMONE ed ai loro colloqui.

Tra i molti doni che Dio ha conferito a SOLOMONE c'erano la comprensione del linguaggio degli uccelli e conoscenze di ogni genere. Era il signore degli uomini, dei geni e degli uccelli. Quando viaggiò attraverso l'aria sul suo magico tappeto di seta verde, portato dal vento in alto secondo la direzione del Re, gli uomini stavano sulla destra di esso, e gli spiriti sulla sinistra, e un vasto esercito di uccelli di ogni tipo continuava a volare sopra il tappeto per proteggere i suoi occupanti dal calore del sole. Un giorno, mentre stava rivedendo gli uccelli, percepì che la pavoncella era assente, e chiese perché era assente, e minacciò di punirla per non aver fatto la sua apparizione con gli altri uccelli. Molto presto dopo che ebbe parlato, apparve la pavoncella e si scusò per la sua assenza dicendo che stava guardando un paese che il re non aveva mai visto, e che aveva visto SABA, che era governata da una regina chiamata " BALḲÎS ",UN Paese che era molto ricco, e che sedeva su un trono fatto di oro e argento e con pietre preziose, di ottanta cubiti di lunghezza, quaranta cubiti di larghezza e trenta cubiti di altezza. La regina e il suo popolo erano idolatri e adoravano il sole, ed erano sotto l'influenza di SATANA, che li aveva distolti dalla giusta via.

Quindi SOLOMON scrisse la seguente lettera alla Regina di SHEBA: "Dal servo di Dio, SOLOMON, figlio di DAVID, a BALḲÎS Regina di SHEBA: “Nel nome del Dio più misericordioso. La pace sia per colui chi segue la vera direzione, non sollevarti contro di me, ma vieni e renditi a me ". Dopo aver profumato questa lettera con il muschio e sigillata con il suo meraviglioso sigillo, SOLOMONE lo diede alla pavoncella e disse all'uccello di andare a farla cadere in SABA, e di girarsi dopo e aspettare la risposta della Regina. La pavoncella partì e consegnò la lettera, alcuni dicendo che lei volò nell'appartamento privato della Regina attraverso la finestra, e altri che lasciò cadere la lettera nel seno della Regina mentre era in piedi circondata dal suo esercito. Dopo aver letto la lettera, la Regina invitò i suoi nobili a consigliarle cosa fare, ma le ricordarono che erano soldati, pronti a marciare contro SOLOMONE se avesse ordinato loro di farlo, e che la lettera era indirizzata a lei e che lei doveva prendere la decisione. Desiderando evitare l'invasione e i mali che sarebbero seguiti nel suo regno, la Regina decise di inviare doni a SOLOMONE, e lei mandò avanti cinquecento maschi e cinquecento schiave, cinquecento lingotti d'oro, una corona tempestata di pietre preziose, e una grande quantità di muschio, ambra, spezie, legni pregiati, ecc.

La pavoncella tornò velocemente a SOLOMONE e gli raccontò cosa era successo, e che un'ambasciata della Regina con doni stava arrivando. Quando gli uomini di SABA arrivarono furono ricevuti da SOLOMONE in una grande piazza circondata da un muro di mattoni che erano fatti d'oro e d'argento. SOLOMON parlò dei doni della Regina e rimandò l'ambasciata, chiedendo loro di dire alla loro amante che avrebbe inviato truppe invincibili contro la sua città, e che l'avrebbero catturata ed espulso i suoi abitanti mandandoli in disgrazia.

Quando BALḲÎS ricevette questo messaggio, decise di andare da SOLOMONE e dichiarare la sua sottomissione a lui, e dopo aver rinchiuso il suo trono in una forte fortezza, e posto una guardia su di esso per proteggerlo, partì per GERUSALEMME, accompagnata da un grande esercito.

Mentre era sulla strada, un giorno SOLOMON disse ai suoi nobili: "Chi di voi porterà il trono della regina qui prima che lei e la sua compagnia arrivino?" E un 'IFRÎT, uno dei geni, il cui aspetto era più terribile, e che si chiamava DHAKWÂN o ṢAKHR, disse: "Lo porterò a te prima che tu abbia finito la tua udienza. Ora SOLOMONE sedeva in giudizio fino a mezzogiorno ogni giorno. Qualcuno che aveva conoscenza dei libri e di chi era presente sembrava pensare che l'IFRÎT richiedesse troppo tempo in cui soddisfare il desiderio urgente del Re, e disse: Ti farò salire sul suo trono prima che tu possa posare i tuoi occhi su un oggetto e rimuoverli di nuovo. "

I commentatori sono in dubbio sull'identità della persona che ha fatto questa offerta a SOLOMONE, per alcuni dicono che era l'AF, il figlio di BARKHÎY, il Wazîr di SOLOMONE, e altri che era KHIDHR (ELIJAH), o GABRIEL, o qualche altro angelo, o anche lo stesso SOLOMONE. Generalmente (35) pensavo che la persona fosse ṢAF, poiché conosceva l'ineffabile Nome di Dio. Comunque sia, SOLOMONE accettò l'offerta e alzando gli occhi al cielo li riportò velocemente sulla terra, e quando i suoi occhi si posarono sulla terra vide il trono di BALḲÎS che gli stava di fronte.

Quindi SOLOMON ha cambiato il trono, con l'idea di impedirle di riconoscere, al suo arrivo. il proprio trono. Quando BALḲÎS venne in sua presenza, indicò il trono, dicendo: "Il tuo trono è simile a questo?" E lei rispose: "È tutto uno con questo". Allora BALḲÎS fu invitata ad entrare nel palazzo che SOLOMON aveva costruito appositamente per il suo ricevimento. Le pareti erano fatte di blocchi di vetro bianco, e il pavimento era fatto anche di vetro, sotto il quale scorreva l'acqua, e nell'acqua corrente nuotavano dei pesci.

Quando BALḲÎS si voltò per entrare nel palazzo e vide l'acqua, pensando che fosse profonda, tirò su le gonne dei suoi indumenti prima di tentare di attraversarlo. Con questo atto scoprì le sue gambe e SOLOMON ebbe la prova che la voce, secondo cui i piedi e le gambe di BALḲÎS erano coperti di peli come il cappotto di un asino, era vera. La vista dell'edificio di vetro con il suo pavimento di vetro stupì BALḲÎS, che disse: "O Signore, in verità ho trattato ingiustamente con la mia stessa anima, e mi rassegno, insieme a SOLOMONE, a Dio, il Signore di tutte le creature". Alcuni commentatori pensano che la Regina pronunciò queste parole in parte nel pentimento per aver adorato il sole, e in parte per la paura di essere annegati nell'acqua che vedeva davanti a lei.

JALÂL AD-DÎN (1)dice che SOLOMONE pensò di sposare BALḲÎS, ma non riuscì a farlo a causa dei peli sui suoi piedi e sulle sue gambe.

I diavoli, che erano sempre presenti, rimossero i peli con l'uso di qualche depilatorio infernale, ma resta il dubbio che anche allora SOLOMONE l'abbia sposata. ALBEIDHAWW dice quindi che è molto dubbio chi abbia sposato BALḲÎS, ma è incline a pensare che sia stato uno dei capi della tribù Hamdân.

  • Akbar, Jalal al-Din Muhammad Imperatore musulmano della dinastia Mughal d’India (Umarkot, Sind, 1542-Agra 1605). Nipote del fondatore Babur, con le sue conquiste (Afghanistan orientale, Bengala, Kashmir, gran parte del Deccan) raddoppiò l’estensione del regno ricevuto dal padre Humayun nel 1556. Mecenate delle arti e delle lettere, mostrò grande apertura intellettuale verso le altre religioni, promuovendo un culto sincretistico volto a unificare l’impero, che non sopravvisse però alla sua morte.

M.T. La Redazione, Marzo 2018