× Benvenuti nel forum del Maitaclì!

Questo spazio va usato per i nostri messaggi.

C O R R I S P O N D E N Z A 3

Di più
16/03/2011 22:28 #7823 da Francesco
Silvano ,molte volte certi soloni durante le trasmissioni tv di intrattenimento
sparano certe caz…te grosse che piu’ grosse non si puo’( parafrasando la
pubblicità di un noto detersivo ).
Il terremoto e maremoto di Messina del 28 dicembre 1908 causò tra la stessa città , Reggio e comuni limitrofi da 90 a 120 mila fra morti e dispersi .Oltre alla quasi completa distruzione di Messina e parziale di Reggio .
Superò , come vittime , il maremoto del 2004 .Quindi questi solonignoranti come possono affermare che il disastro nipponico è senza precedenti ?Senza precedenti sarebbe il danno prodotto e quello che ancora dovrebbe arrivare con le radiazioni .Ma in termini di vittime quello di Messina avra’avuto forse un solo precedente : l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. che distrusse Pompei ,Ercolano e Stabia .Delle cui vittime non si conosce bene l’entita’ .Al riguardo tieni presente che le tre città vesuviane erano popolose anche per il gran numero di villeggianti romani .
In passato ho raccolto delle testimonianze di alcuni sopravvissuti ( della fine dell’ottocento ) che sfollando ad Agrigento vi misero le radici .Raccontavano del grande soccorso offerto dagli equipaggi di numerose navi straniere .I primi a mettere piede sul suolo colpito furono i marinai russi e tedeschi .Addirittura mi parlavano di fucilazioni ,da parte dei russi , nei confronti dei soliti sciacalli .E facevano bene .
Nel gennaio del ’68 un violento sisma rase al suolo Montevago e Santa Margherita Belice ( Ag) ,S.Ninfa e Ghibellina ( Tp) e numerosi comuni danneggiati nelle prov. di Ag, TP e Pa .La scossa arrivo’ a danneggiare alcune case veccie del centro medioevale di Agrigento .I morti accertati solo nelle cittadine distrutte furono circa 400 .
Per quanto riguarda Asmara ricordo diversi terremoti ( piccole scosse ) senza danni e vittime .
Ne ricordo uno mentre mi trovavo al cinema Impero .Fuggimmo dalla sala ,ma dopo mezz’ora eravamo già seduti a mangiare chichingioli in attesa della continuazione della proiezione .
Ricordo ( e penso che lo ricorderai anche tu ) della grande grandinata che mi risparmio’ un giorno di scuola ( abitavo a Ghezzabanda ed avrò avuto sei anni ).Grandine grosse quanto i sassi .Ricordo che molti dovettero ricorrere al Regina Elena .
Per ora buonanotte
Francesco

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
16/03/2011 18:00 - 16/03/2011 18:02 #7822 da Narrante
A proposito di terremoti un click al seguente link
per ricordare il nostro "TSUNAMI" : - Messina 1908

cinquantamila.corriere.it/

Mio padre, classe 1894 ce ne parlò spesso. Si trattò di un forte terremoto seguito da devastante Maremoto - mio padre aveva 14 anni, ma la risonanza sulla stampa nazionale ed estera fu molto ampia.

Messina fu rasa letteralmente al suolo...

I politici, ascoltati in "Porta a Porta" dichiaravano che terremoti simili a quello giapponese da noi NON possono verificarsi...

Francesco forse avrà dati più completi per aggiornarci su quella immane tragedia....nostrana...



Ricordo che ad Asmara, ci fu un terremoto notturno (1945?)
a quell'epoca abitavamo al 3° piano di Palazzo Derviniotti sopra il bar REX e scendemmo tutti in strada, dove trovammo tanti altri scappati all'aperto.
Noi dopo una ventina di minuti si rientrò, ma molti siciliani, memori del terremoto di Messina, restarono per prudenza fuori fino all'alba...
Ultima Modifica: 16/03/2011 18:02 da Narrante.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
16/03/2011 17:25 #7821 da Francesco
Unità d'Italia

Anch'io , per le stesse motivazioni di Agau , sono rimasto tiepido al tripudio di un'anniversario non sentito da una parte degli italiani .
Ricordo che ne '61 ( ero studente ) si celebrarono i 100 anni della cosidetta spedizione dei 1000 ( che poi erano 1087 )e quello dell'unità d'Italia :ci furono molte manifestazioni patriottiche e tutti i negozi facevano a gara nell'esporre nelle vetrine vecchie bandiere e vari cimeli ; i balconi degli enti pubblici e dei privati nel corso pincipale erano tutti pavesati con tricolori ,molti dei quali ancora con lo stemma sabaudo .Unica eccezione : i balconi del PCI , dell'ANPI e del PSI esponevano i loro stracci rossi .Attenzione ,non per partecipare alla commemorazione , ma perche' quegli stracci rossi abitualmente erano esposti tutti i giorni .Ho scritto questa precisazione per dimostrare che la loro bandiera era quella rossa e non il tricolore .
Ricordo che fino al settennato di Ciampi esporre la bandiera , cantare l'inno nazionale e pronunciae la parola "patria" era disdicevole e fascista .
Ora i signori sinistri , quell che hanno coniugato il termine "paese" in luogo di patria ,come d'incanto ,sono diventati italiani e ( spingendomi oltre ) na-zio-na-li-sti!
Ma ch'è successo ? E' passata la Fata turchina ?
E di Napoletano che ne dite ? Comunista mai pentito .
Nei primi giorni di quel tragico novembre 1956 ( avevo 16 anni ) i sovietici entrarono con i carri armati a Budapest schiacciando i rivoltosi anticomunisti ( moltissimi erano miei coetanei ).
Alle 13 ,nell’unico TG dell’epoca , vidi esterrefatto che i comunisti ( Napoletano compreso .Era giovane ed era già un pezzo da novanta del partito) , appresa la notizia ,durante una seduta a Montecitorio , si alzarono dai loro scranni ed applaudirono ,assieme a quel criminale di Togliatti ,tirapiedi di Stalin e dei suoi successori .
No , cari amici , non è passata la Fata turchina .Quella lasciamola ai nostri ricordi fanciulleschi collodiani .
Semplicemente è tutto opportunismo .
Ed io , comune mortate ( che ho giurato tre volte a quella bandiera : la prima come allievo ufficiale , la seconda da ufficiale e la terza quando fui assunto all'INPS )mi dovrei accodare al seguito di questa gente ? Quando ho giurato loro già avevano giurato ( scusate il bisticcio)fedeltà all'URSS , nostro nemico che puntava i missili nucleari sull'Europa civile ,Italia compresa .
Questa , per me controversa ( poi vi diro' il perche' ),unità , nel bene e nel male , è stata voluta dai Savoia .Se non fosse stato per loro non dovremmo festeggiare un tubo .Allora perchè i discendenti ( non colpevoli per gli errori dei loro padri )non li hanno voluto coinvolgere ?
Mi sembra una forzatura che a celebrare l'evento fossero coloro che hanno sputato sempre su qesta bandiera e non i discendenti di quella famiglia .
Per carità , non crediate che sia un monarchico sabaudo !
Mi sono espresso cosi' per onorare la verità e rispettare la storia .
Come giò ho anticipato queste non sono le soli ragioni per le quali non mi sento coinvolto in quest'evento .Altre sono e , ben piu' gravi le motivazioni del mio dissenso .Le saprete alla prossima puntata .
Detto questo , dopo tanti anni , obtorto collo ,mi sento
italiano .Non ho scelta .
Ma italiano di una volta .
EEA
Francesco

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
16/03/2011 16:04 #7820 da Anna-Narrante
Giacinto mi fai venire l'acquolina. il pesce in particolare mi piace molto. Per il tempo speriamo che le previsioni siano esatte. Un caro saluto anche a tua moglie Anna

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
16/03/2011 12:17 #7819 da Sceitan
Ciao bellissima,stamane come detto sveglia con apprensione,il vicino stava veramente male.Chiamato il 118,prontamente accorso dopo aver sentito i sintomi da me descritti,ricovero e il vicino con una broncopolmonite che ha affaticato anche il cuore.Comunque una preghiera in diretta col capo,e speriamo bene.Tu sei in procinto di andare a rifarti un pò di giovinezza "EiaEia",a dopo.Un abbraccio affettuoso.Sceitan.(la punteggiatura la metti Tu). :evil:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
16/03/2011 12:12 #7818 da Sceitan
Carissimo Agau,io il problema non me lo pongo neppure,tante volte ho detto che con gli italiani d'Italia,io non ho mai legato.Io conosco solo Italiani d'A.O.I.Che poi singolarmente ci siano brave persone,non lo metto in dubbio,per il resto cuociano nel loro brodo.Io l'inno me lo ricordo,e cosi' pure la Giusi e i miei figli.Non esporrò nessuna bandiera,quella c'è l'ho nel cuore,indelebile.Ed è sempre stata nel cuore anche quando ero sotto un altro tricolore.Ciao con tanta stima ed affetto.(Caspita quanto ho scritto).Un abbraccio asmarino.Sceitan. :evil:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.354 secondi