× Benvenuti nel forum del Maitaclì!

Questo spazio va usato per i nostri messaggi.

Gli arabismi nella lingua Italiana e nei dialetti.

Di più
23/10/2009 21:57 #920 da Narrante
Per Agau e quanti siano interessati alla procedura per inserire le foto nel Forum.
Inserisco quì un link dove ho spiegato cosa fare per inserire le foto. Se qualcosa non è chiaro chiedetimi pure.
Al momento inserisco la versione in formato "PDF", domani cercherò di inserire anche quella per il web.
Saluti a tutti,
Silvano

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Francesco
  • Autore della discussione
23/10/2009 15:44 #913 da Francesco
Caro Agau ,
anzitutto , non ti inc...re se ti dò la lettera C.Di A e B , tutto esaurito .Accontentati di qusta lettera e di qualche B:

Pron.sicil. Pron. araba Significato
________________________________________________________

Baglu o Bagghiu
cortile interno di una casa
Bunaca
giacca
Burgiu =
quantità di mareria
ammassata
Calafatau = Gialfat stivo' la barca
Cangiarru = Khangiar sciabola corta
Crivu = Ghirbal crivello
Cannila = Khandil candela
Cafisu = Khafiz misura per l'olio
Cammisa = Kamiss camicia o tunica di sotto
Carcariari = Karkar gorgoglio del ventre
Cuttuni =
cotone
Ciao
Francesco

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • antonio lo sceitan
  • Autore della discussione
23/10/2009 11:20 #912 da antonio lo sceitan
Come ho gia scritto in altri post,rimango a bocca aperta.Leg- gere Francesco Silvano Agau,malè,che bello.Io come ho detto i libri li vendevo al vecchietto.Comunque ricordo che il beduino ha detto non ci sarà bisogno di farvi guerre poichè sarà il ventre delle nostre donne a colonizzarvi.Io il mio con tanti camerati,Tedeschi, spagnoli, portoghesi ,inglesi nei miei tre anni in algeria mi ero dato da fare.Comunque con il buonismo becero e str...o dei nostri politici andrà sempre peggio. IO comunque ho praticato,bi al-zar e al qubba il più possibile,essendo sceitan anche di più.Un carissimo saluto ROMANO.Antonio.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Francesco
  • Autore della discussione
22/10/2009 15:22 #901 da Francesco
Caro Agau ,
ho letto la tua breve storia sulla penetrazione dell'Islam nel Corno d'Africa , ove esiste la "fortezza"copta a resistere .Aggiungo che la predetta penetrazione interessa l'Africa dal mare Nostrum all'ex Tanganica e dal mar Rosso all'oceano Atlanico con le seguenti percentuali :

a) dal 90 al 100% :
Egitto,Libia , Tunisia , Algeria , Marocco ,Mauretania , Niger, Malì, Senegal , Somalia , compreso Gibuti .

b) dall'80 al 100%:
Sudan.

c) fra il 40 ed il 50 % :
Etiopia , Eritrea ,Nigeria , Ciad e Tanganica .

Più a sud ( occidentale,centrale ed orientale )dal Congo , Zaire al Sudafrica la penetrazione ha na valenza piu' modesta dal 10 al 20 % .

Per non citare la penisola arabica , Siria ,Turchia , nazioni europee ed asiatiche ex comuniste , Bangladesh ,Indonesia e Filippine , ove esiste una minoranza supportata dal locale terrorismo .
Come vedi , Agau , la situazione desta in noi ( ancora con un po di cervello ) una forte preoccupazione , atteso , che da una ventina d'anni hanno dato l'assalto all'Europa .
Tutto questo , come accennavi te , è un disegno che risale dai tempi di Maometto , i cui adpti , pazientemente , stanno tessendo una tela , il cui fine è la conquista del mondo e l'assoggettamento delle popolazioni al loro viscido credo .
Qui in Europa la politica sinistrorsa predica l'accoglimento e l'integrazione .Non sanno forse che ad integrarsi al loro volere saranno i nostri posteri . Gli aderenti di questa ibrida U.E. si sono calate le brache
( pure l'Italia)rinunciando , addirittura , ad inserire , nel preambolo della costituzione europea ( bocciata da piu' parti ) le nostre radici cristiane e giudaiche .Quest'ultimo termine è discutibile ,in quanto gli ebrei , espulsi dalla Spagna e dai loro domini nel 1492,si stanziarono nel centro ed ad oriente del vecchio continente , rappresentando una minoranza trascurabile, rispetto al cristianesimo .
Con ciò , vorrei precisare che non ho nulla di personale con questo popolo .Anzi , li ammiro , in quanto, in un sessantennio ,hanno dato testa all'accerchiamento arabo, vincendo sempre le guerre e costituendo , nella regone , l'unico baluardo di democrazia e di civiltà occidentale .
Oriana Fallaci , nella sua nota trilogia , ha previsto tutto ciò che sti sto riassumendo .Questa illustre italiana cosa ha ricevuto in cambio dai suoi sinistri connazionali ? Isolamento e disprezzo .
Ti saluto EEA
Francesco

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Agau del Semien
  • Autore della discussione
22/10/2009 04:21 #895 da Agau del Semien
Caro Silvano, io pur sostenendo che conoscere vuol dire essere piu' forti per cui affermo che tutti in Europa avrebbero e dovrebbero meglio conoscere, in tutti i loro aspetti, i nuovi invasori, cio' pero' non vuol dire che io li voglia e che li AMI.Tutt'altro!
Qui di seguito ripropongo un mio scritto che a suo tempo era apparso sul ns. Maitacli, ove chiaramente esprimo cio' che penso degli arroganti figli del deserto.

L’Abissinia e la colonizzazione araba.
Da sempre tra le popolazioni della penisola arabica si piange l’avvenuto distacco del continente africano da quello asiatico. La mano che a suo tempo lasciò la presa e permise alle genti del corno d’Africa di avere una loro libera esistenza e che, ancor oggi, si può vedere ben delineata sullo sfondo del Mar Rosso, è delimitata dalla costa abissina (l’indice) e dalla parte somala (il pollice).

Il comportamento di detta mano è tuttora biasimato dalle genti arabe che si sono sentite tradite per l’abbandono subito. Lo stretto che congiunge il mar Rosso con l’oceano Indiano e separa lo Yaman dall’Africa, venne chiamato Bab al Mandab, Porta delle lacrime, appunto, a testimoniare quanto fu dolorosa detta separazione, in particolare per le genti dell’ Hadhramut.

Ancora oggi, quando i baharin (marinai) passano vicino all’isola di Barim attraversando o il canale più piccolo, quello orientale, Bāb Iskandar (Porta di Alessandro) o il canale occidentale, Daqqat al qulub (Battiti dei cuori) intonano un canto che inizia così:

ahin eyetuha al yadu limadha taraktina (Oh mano che ci hai lasciati ….)

L’Arabia è una grande penisola di oltre due milioni di chilometri quadrati. La maggior parte è desertica con distese di sabbia che si susseguono ad immense pietraie. Non piove quasi mai. Solo qualche rivo sotterraneo fornisce acqua ai pochi pozzi sparsi nell’arida distesa e sostiene la vita delle tribù beduine.
Altrove, la natura è più benigna e in primavera cade un po’ di pioggia permettendo la crescita di scarsa vegetazione e mutando per un breve periodo il deserto in pascolo fornendo così del cibo a cammelli, capre e pecore.

La parte nord della penisola è abitata esclusivamente da nomadi e da pastori, mentre quella centrale è la meno ospitale ed è costituita dal grande deserto evitato anche dai beduini. Questa vasta zona è il deserto di Rub'al-Khali (quarto o quadrato vuoto).

A sud la regione è montuosa, i terreni sono più fertili ed è abitata da popolazioni seminomadi che provvedono al loro sostentamento in parte con i prodotti dell’ agricoltura e in parte con la pastorizia. Questa è la zona ove nasce la storia e la cultura araba e da dove inizia la civiltà islamica.

Nel concetto arabo l’intera umanità è divisa in tre caste:

- Quella del fallah, contadino sedentario legato al suo pezzetto di terra. Egli è però servo del padrone ed è anche vigliacco. Appartiene alla classe più infima.
- Quella dei pastori proprietari di mandrie e di greggi. Vagano per i territori della steppa, sono dei liberi figli del deserto.
- Infine vi è la casta superiore, la più libera, la più nobile. Gli allevatori di cammelli: la classe degli arab che discendono da Ismaele, figlio di Abramo. Essi si sentono: ummatu ibrahim, la gente di Abramo. I loro animali li rendono liberi di spaziare nelle immense distese desertiche della loro terra. Il beduino ha tutto possedendo il cammello che gli fornisce un valido mezzo di locomozione, il latte, il sangue, la carne, la lana, e lo sterco da ardere.

Il beduino, quando è in groppa al suo quadrupede ed è armato di lancia e di scimitarra ricurva a mezzaluna, si sente invincibile, perché non deve rispettare alcuna legge se non quella datagli da Muhammad.


Bismillah (nel nome di Allah): il cavaliere del deserto abbassando la lancia partì al galoppo verso il paese dai numerosi corsi che forniscono acqua ristoratrice, dalle fertili e verdi valli ricche di pascoli ove vi sono alberi ombrosi e donne abissine eternamente giovani. Questo è quanto bramò il guerriero del deserto andando alla conquista di al-habashah (l’Abissinia).

Verso il 615 i primi musulmani giunsero in Abissinia per sfuggire alla caccia aperta in terra araba, dalle varie tribù beduine, al Profeta ed ai suoi seguaci. Le popolazioni locali li accolsero amichevolmente anche in considerazione del grande equivoco che seppero subdolamente generare tra i cristiani. Sapendo che gli abissini credono in Gesù e Maria, i musulmani, scientemente, li vollero confondere recitando i versetti coranici:

Ricorda ancora quando gli angeli dissero: ”O Maria, in verità Dio ti ha prescelta, ti ha resa pura e ti ha eletta su tutte le donne del creato.” [3 Imran]

Ma quando Gesù si accorse che gli ebrei non credevano, disse: ”chi saranno i miei aiutanti nella causa di Dio?”. “Noi, risposero gli apostoli, saremo gli aiutanti di Dio.” [3 Imran]

“Questo è Gesù, figlio di Maria, parola di verità di cui alcuni dubitano.” [19 Maryam ]

Gli abuna abissini, per innata umile semplicità e per ignoranza, li considerarono dei cristiani, senza sospettare che quei fi-sabil Allah, proselitisti del profeta, stavano versando le prime gocce con il quale avrebbero riempito, nel tempo, quel immenso mare musulmano con il quale avrebbero circondato e serrato in una morsa l’isola africana del cristianesimo, l’Abissinia.

Inoltre, questi fuggitivi si guardarono bene dal recitare i versetti contenuti nella sura 29 [al ‘ankabut], conosciuti anche come quelli della scimitarra che, come si vedrà in futuro, regoleranno, a fil di lama, i rapporti tra i muslimun (musulmani), i kafirun (miscredenti: ebrei e cristiani) ed i mushrikun (associazionisti) .

Ma cavaliere del deserto è l’islam, che proseguirà la colonizzazione iniziata in epoca preislamica e che in qualche modo aveva posto le basi per la nuova occupazione. Precedentemente, infatti, le genti sud-arabiche avevano già assoggettato intere popolazioni abissine e, incrociandosi con donne del luogo, avevano dato vita anche a nuove tribù, quali: gli Hadendoa-ad Sharaf, Bet Asghedè-ad Sharaf.

Le prime terre occupate furono le isole Dahlak che, unitamente a tutta la fascia costiera, erano originariamente rette da un Bahar-negassì ed abitate esclusivamente da popolazioni locali, dancale e sudanesi dedite alla pesca e alla pastorizia. I nuovi arrivati, provenienti persino dalle terre dello stretto di Hurmuz, sottomisero i nativi schiavizzandoli. Tra le loro principali attività vi fu lo sfruttamento dei banchi di ostriche perlifere; sfruttamento che portò sino alla totale distruzione dei banchi stessi.

Nelle principali isole dell’arcipelago ed in particolar modo su Dahlak Kabir, Dhuladhiya, e Dahul ancora oggi è possibile trovare tombe con caratteri chufici (al kufa-Iraq) del settimo secolo che testimoniano la costituzione del primo stato islamico dell’arcipelago, successivamente passato allo Yaman.

Gli stati musulmani della costa orientale del mar Rosso, forti della conversione all’islam di tutti i tradizionali nemici dell’Abissinia, riuscirono ad annientare il regno di Axum. Le isole Dahlak e Adulis passarono sotto il diretto controllo della mezzaluna e dal porto di Zeila fecero ingresso gli arabi da dove giunsero ad occupare parte delle terre dell’altopiano etiopico.

Nel 638 tutta l’Africa nord orientale venne presa d’assalto da orde islamiche che, occupata la Palestina prima, si diressero poi sull’Egitto. Nel 641 Amru ibn al-As entrò in Nubia sino ad Assuan. Dal delta del Nilo alla Dancalia vennero issati i drappi verdi e si udì un solo grido di guerra :

La sola vera religione agli occhi di Dio è l’Islam [3 Imran]

O voi che credete lanciatevi all’attacco per la causa di Dio [9 al-tawabah]

Quando dunque incontrate in battaglia quelli che non credono, colpiteli al collo e dopo averli massacrati di colpi, stringete bene i ceppi [47 Muhammad]

Quante volte coloro che non credono vorranno essere stati musulmani [15 al-hijr]

Fu l’inizio della totale conquista islamica delle terre cristiane del nord che dal delta del Nilo arrivavano sino a Dongola e giù sino alle terre dei Begia, dove Ubaydallah ibn Habhab impose loro un baqt simile a quello dettato ai Nubiani, obbligandoli a consegnare, ogni anno, tra gli altri obblighi, 500 schiavi. Anche in questi territori iniziò una vera colonizzazione, dove gli arabi della tribù Rabi’a guidati da al-Qummi imposero le loro leggi coraniche, la sharia, sottomisero le popolazioni locali e si impossessarono delle miniere d’oro dei Begia. I Rabi’a si mescolarono con i Begia islamizzandoli, imponendo loro la as-sirat al-mustaqim (la giusta via all’islam), e costituendo così una sola e forte tribù.

Il conquistatore si sente superiore agli occupati e un prescelto su tutti gli altri uomini. Ha ricevuto la grazia di Allah che lo ha eletto e fatto musulmano. Questo spirito di superiorità lo porta a voler impadronirsi del mondo. E’ consapevole che la penisola arabica conta un esiguo numero di abitanti che non bastano ai piani di conquista e quindi spinge sull’eguaglianza di tutti i credenti, senza differenza di razza, e colore purché, appunto, abbraccino la fede islamica.

E’ meglio che tua figlia sposi uno schiavo credente piuttosto che un miscredente di qualità.[hadith]

In questo modo l’islam creò la premessa del suo successo in Africa e nel mondo: il concetto dell’unità dei credenti e della fratellanza universale. Dal Magreb alle isole indonesiane tutti appartengono di diritto a dar al-islam. Erano le prime fondamenta di quel concetto che poi Gamal ad-Din al-Afgani, professore dell’università teologica al-Azhar di al-Kahira (Cairo) dicendo : “Musulmani di tutto il mondo unitevi”, avrebbe posto la base del al-rabitah al-islamiyah, il panislamismo.

Il compimento dell’opera del Profeta è : Estendete la casa dell’islam su tutte le terre conquistate e la dar al-harb su tutte le terre degli infedeli. Combattete gli infedeli finché non ne rimanga alcuno.

Il geografo arabo Yaqubi dice che i Rabi’a-Begia verso il decimo secolo occuparono tutta la fascia tra il Nilo ed il mar Rosso giungendo sino alla valle del Barca, spingendosi a ridosso dell’altopiano abissino. I Rabi’a-Begia diedero vita anche alle tribù Bisharin del Sudan e degli Hadariba del mar Rosso. Un ramo del clan Hadariba si fermò anche a Sauakin, dove formò uno dei nuclei più potenti e numerosi.

Gli ad Sharaf originari della Mecca si mescolarono agli Hadendoa-ad Aiesh formando anch’essi un nuovo ceppo islamico.

L’ondata araba che si riversò nel tempo dall’Egitto sino alle coste abissine del mar Rosso, ed in particolar modo la campagna condotta da Shams al-Dawla, fratello di Salah ed-din bin Yusuf ibn Ayyub (conosciuto in occidente con il nome di Saladino), demolì tutte le chiese della Nubia e del Darfur, distrusse l’organizzazione politico-sociale delle genti locali e forzatamente sostituì il cristianesimo con la religione del “Molto–lodato”. Gli shuiuh (sceicchi) mandati dall’Arabia nei secoli 16° e 17° completarono la conversione religiosa.

In Abissinia si giunse così a passare dalle solite guerre d’usura sostenute sui confini tra truppe cristiane e musulmane, allo scontro frontale tra le due diversità religiose della zona, e le popolazioni cristiane subirono l’aggressione di una vera e propria jihad condotta dall’imam dell’Adal, Ahmed ibn Ibrahim.

Nei piani dell’imam dello Stato hararino vi era la totale conquista dell’Etiopia. Per l’occasione organizzò un’armata composta da elementi arabi, dancali, somali e begia convinti di portare sulle terre dei miscredenti la vera fede. L’esercito del Ghazi, cosi era chiamato il condottiero dai suoi seguaci, forte di trentamila uomini equipaggiati anche con armi da fuoco fornite dagli ottomani, partì da Harar, occupò l’Amhara, il Lasta giungendo sino al lago Tana. Sul loro cammino lasciarono morte e distruzione. Le chiese, i monasteri e i templi vennero rasi al suolo e con il terrore convertirono alla religione islamica altre popolazioni. Mille e duecento anni di cultura cristiana venivano cancellati dall’imam denominato il Gragn (il sinistro). Per bloccare la furia distruttrice musulmana, l’imperatore Galaudeuos chiamò in aiuto dell’Etiopia il Portogallo.


Nei primi anni del XVI secolo, nei cieli tersi dell’Abissinia si addensano nuovamente altre nuvole cariche di minacce. Questa volta provengono dai turchi che soppiantano gli arabi nel dominio e che, occupato l’Egitto, portano il loro giogo anche sullo Yaman, sulle Dahlak e Massaua. Nuovamente le genti abissine vengono travolte dalla furia degli occupanti islamici.

La colonizzazione islamica dell’Abissinia, partita nel 615 d. C., non è mai terminata, anzi, ai tempi nostri la realizzazione della grande ummah si fa sempre più reale e la pressione esercitata nella zona rimpicciolisce di giorno in giorno l’isola cristiana degli altopiani.

Tutto questo nella indifferenza più assoluta dei pacifisti nostrani che condannano, come tremendo e solo male, il colonialismo italiano, peraltro durato solo alcune decine d’anni, a differenza dell’altro ancora in atto.


Agau del Semien

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Agau del Semien
  • Autore della discussione
22/10/2009 03:49 #894 da Agau del Semien
Caro Francesco, grazie per la segnalazione. In effetti ho scritto ATAIR senza la "L" . Comunque, Atair o Altair sono entrambi usati in italiano. Io personalmente, come te, preferisco il termine con la "L", per cui si, scriviamo Altair.
Caro Silvano, abusiamo sempre di te, della tua cortesia e capacita' informatiche. Puoi per favore correggere e scrivere, appunto : Altair, grazie

Ps. per Silvano; mi spieghi per favore come si pone un'immagine in un testo qui in questo ns. forum?
Grazie ancora, Agau
Etiopia,Eritrea=Abissinia

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.287 secondi