× Benvenuti nel forum del Maitaclì!

Questo spazio va usato per i nostri messaggi.

L'ANGOLO DELLA POESIA ..... e Di ALTRO

Di più
20/02/2012 02:18 #11701 da Francesco
LA PORTI UN BACIONE A FIRENZE

( di Odoardo Spadaro )

Partivo una mattina co'i' vapore
e una bella bambina gli arrivò.
Vedendomi la fa: Scusi signore!
Perdoni, l'è di' ffiore, sì lo so.
Lei torna a casa lieto, ben lo vedo
ed un favore piccolo qui chiedo.

La porti un bacione a Firenze,
che l'è la mia città
che in cuore ho sempre qui.
La porti un bacione a Firenze,
lavoro sol per rivederla un dì.

Son figlia d'emigrante,
per questo son distante,
lavoro perchè un giorno a casa tornerò.
La porti un bacione a Firenze:
se la rivedo e' glielo renderò.

Bella bambina! Le ho risposto allora.
Il tuo bacione a'ccasa porterò.
E per tranquillità sin da quest'ora,
in viaggio chiuso a chiave lo terrò.
Ma appena giunto a'ccasa te lo mgiuro,
il bacio verso i'ccielo andrà sicuro.
Io porto il tuo bacio a Firenze
che l'è la tua città

ed anche l'è di me. Io porto il tuo bacio a Firenze
nè mai, giammai potrò scordarmi te.
Sei figlia d'emigrante,
per questo sei distante,
ma stà sicura un giorno a'ccasa tornerai.
Io porto il tuo bacio a Firenze
e da Firenze tanti baci avrai.

L'è vera questa storia e se la un fosse
la può passar per vera sol perchè,
so bene e'lucciconi e quanta tosse
gli ha chi distante dalla Patria gli è.
Così ogni fiorentino ch'è lontano,
vedendoti partir ti dirà piano:
La porti un bacione a Firenze;
gli è tanto che un ci vò;
ci crede? Più un ci stò!

La porti un bacione a Firenze;
un vedo l'ora quando tornerò.
La nostra cittadina
graziosa e sì carina,
la ci ha tant'anni eppure la
un n'invecchia mai.
Io porto i bacioni a Firenze
di tutti i fiorentini che incontrai.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
18/02/2012 01:53 - 18/02/2012 01:54 #11686 da Agau-del-Semien
Ciao Kangaroo,

ho letto con interesse quanto proponi sulle genti del Tigrai, ma devo precisare che l'autore dello scritto segue piu' il cuore e la leggenda e non studi ben piu' seri.
Un grande conoscitore e tuo Paesano, il Conti Rossini, ha scritto cose memorabili sull'Abissinia.

Qui ti propongo un documento dell'Universita' di Napoli molto interessante e basato su ricerche molto serie.

Un saluto abissino,

agau

www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=onte%20ro...bTgI1a6BtdJRDI2wI_DA
Ultima Modifica: 18/02/2012 01:54 da Agau-del-Semien. Motivo: errore

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
18/02/2012 01:47 #11685 da Francesco
'A LIVELLA

di Antonio de Curtis ( in arte Totò )

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
17/02/2012 03:18 - 17/02/2012 03:19 #11669 da Nocerino
Storia Tigrinya gruppo ethnico dal Eritrea e Etiopia (Ethiopia)
Scusate ma la scrivo in inglese che e piu' facile, voi lo sapete leggere l'inglese ;) :P

The Tigrinya ethnic group is one out of the high culture antique emerged, that has it's cultural and unique life wise plain true. The language Tigrinya is spoken in the countries Eritrea and Ethiopia (Tigray-province).

The Ethnie Tigrinya has to trace back is its origin approximately 3000 years ago in the highland of Eritrea (Kebessa) in the provinces Hamasien, Serai and Akeluguzay. The foundation father of these provinces was Meroni. Meronis great-grandfather came out of Syria to east Africa. Meroni had three sons were named Faluk, Tehaluk and Maluk. Meroni decided to return to the country of it's ancestors, but it did not possess the capacity of its ancestors to read stars. As it until after Egypt through chance gave succeeded it after a while designates up and turned back. Its sons established means the country Mereb Milash (or Melash, Melesch designates), was nothing other as the country of the red sea to the river Mereb, the current boundary to Ethiopia.

The religion membership of the Tigrinya is Christian - (99%) Orthodox (also as a Tewahedo designates), however it gives infringed are a small minority of Tigrinya & apos;s it that to the Protestant or Catholic belief. The Tigrinya muslims be appropriate distinguish among other things also to the ethnic group of the Tigrinya, it solely in the religion membership because they are converted to Islam. They implored before approximately 300 years out of the Povinz Tigray after Mereb Milash, whre that protection race of Mereb Milash (Tigrinya label for sovereign) them granted. The reason for their flight was race requested has a t that time in Tigray, that all Tigrinya-muslims your belief to change and to suppose believe that Christian-orthodox because it feared an Islamisationa of the community.

Bruk mealti
Ultima Modifica: 17/02/2012 03:19 da Nocerino.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
16/02/2012 01:01 #11657 da Francesco
DOVE LA LUCE

Come allodola ondosa
Nel vento lieto sui giovani prati,
Le braccia ti sanno leggera, vieni.
Ci scorderemo di quaggiù,
E del mare e del cielo,
E del mio sangue rapido alla guerra,
Di passi d'ombre memori
Entro rossori di mattine nuove.

Dove non muove foglia più la luce,
Sogni e crucci passati ad altre rive,
Dov'è posata sera,
Vieni ti porterò
Alle colline d'oro.

L'ora costante, liberi d'età,
Nel suo perduto nimbo
Sarà nostro lenzuolo

Giuseppe Ungaretti ( 1930 )

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11/02/2012 00:22 #11615 da Francesco
Camerata Richard

(Ruccione - De Torres - Simeoni)



Camerata Richard, benvenuto!
dammi il sacco, si scivola, bada
il nemico è là sulla strada.
Parla piano: già t'hanno veduto,
ventun anni! la stessa mia classe
questo vedi è
il mio primo bambino
e tu sei fidanzato a Berlino
e abitante alla Krausenstraße?
Se mia madre a quest'ora pensasse
che ho trovato un amico vicino!
Camerati d'una guerra. Camerati d'una sorte,
chi divide pane e morte,
non si scioglie sulla terra!
Camerati d'una guerra, Camerati d'una sorte,
chi divide pane e morte
più nessuno lo scioglie!
Camerata Richard, tre minuti.!
due minuti, un minuto...
si attacca!
C'è il mio nome cucito sulla giacca...
Pronti? fuori! il cielo ci aiuti!
Camerata Richard, come canta
la mitraglia di quella piazzola!
Tieni a mente: Salvetti Nicola
vico Mezocannone cinquanta.
Oggi tutta la terra si schianta,
ma noi due
siamo un'anima sola.
Camerati d'una guerra, camerati d'una sorte,
chi divide pane e morte,
non si scioglie sulla terra!
Camerati fuori il passo sulla strada della gloria
coglieremo la vittoria
per la nostra libertà.


Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.427 secondi