× Benvenuti nel forum del Maitaclì!

Questo spazio va usato per i nostri messaggi.

L'ANGOLO DELLA POESIA ..... e Di ALTRO

Di più
26/03/2012 05:47 #12120 da Francesco
Buenos días a todos -
Mi sa che l'alighiero aveva ragione .
Sono stato a meditare quei versi dalle ore 0.513 a.m.
Ma vi rendete conto quanto mi costerà l'imu ?Che Dio li stramaledica .Queso cornuto di un Monti(malditos) , questa semana ( come dicono gli spagnoli,i siculi ed i campani ),si tratterra' in Asia .

Ed io pago! Ed io pago !

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
25/03/2012 22:54 #12119 da Francesco
Ahi serva Italia, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di province, ma bordello!



Dante Alighieri : Purgatorio , VI , 76-78 )

p.s. Questi secolari versi , nell'Italietta d'oggi , sono ancora attuali .
Empoli li, 26 marzo 2012 ore 0,55

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
22/03/2012 01:32 #12081 da Francesco
errata corrige
Scusami Sonia era i 1710 (quindi sec.XVIII )e non XVII.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
22/03/2012 01:30 #12080 da Francesco
Brava la piccola Nocerina .Hai dimenticato che la nave che porto' i perseguitati dalla chiesa anglicana erano i famosi Padri Pellegrini che s'imbbarcarono ,nel secolo XVII , per le americhe e sbarcarono in una località che chiamarono Plymouth ( non so se e' scritto bene )e fondarono Boston .
Ciao a te e Peppe
Francesco

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
22/03/2012 01:20 #12079 da Francesco
Le poesie di Toto'

'O SCHIATTAMUORTO *

I' faccio 'o schiattamuorto 'e professione,
modestamente sono conosciuto
pe tutt' 'e ccase 'e dinto a stu rione,
pecchè quann'io maneo nu tavuto,
songo nu specialista 'e qualità .
I' tengo mode, garbo e gentilezza.
'0 muorto mmano a me pò stà sicuro,
ca nun ave nu sgarbo, na schifezza.
lo 'o tratto come fosse nu criaturo
che dice a 'o pate: " Me voglio jì a cuccà ".

E 'o cocco luongo, stiso int' 'o spurtone,
pure si è viecchio pare n'angiulillo.
'0 muorto nun ha età , è nu guaglione
ca s'à addurmuto placido e tranquillo
nu suonno doce pe ll'eternità .

E 'o suonno eterno tene stu vantaggio,
ca si t'adduorme nun te scite maie.
Capisco, pe muri nce vò 'o curaggio;
ma quanno chella vene tu che ffaie?
Nn' 'a manne n'ata vota all'aldilà ?

Chella nun fa 'o viaggio inutilmente.
Chella nun se ne va maie avvacante.
Si povero, si ricco, si putente,
'nfaccia a sti ccose chella fa 'a gnurante,
comme a nu sbirro che t'adda arrestà .

E si t'arresta nun ce stanno sante,
nun ce stanno ragione 'a fà presente;
te ll'aggio ditto, chella fa 'a gnurante...
'A chesta recchia, dice, io nun ce sento;
e si nun sente, tu ch'allucche a ffà ?

'A morte, 'e vvote, è comme ll'amnistia
che libbera pe sempe 'a tutt' 'e guaie
a quaccheduno ca, parola mia,
'ncoppa a sta terra nun ha avuto maie
nu poco 'e pace... na tranquillità .

E quante n'aggio visto 'e cose brutte:
nu muorto ancora vivo dinto 'o lietto,
na mugliera ca già teneva 'o llutto
appriparato dinto a nu cassetto,
aspettanno 'o mumento 'e s' 'o 'ngignà .

C'è quacche ricco ca rimane scritto:
"Io voglio un funerale 'e primma classe!".
E 'ncapo a isso penza 'e fà 'o deritto:
"Così non mi confondo con la massa".
Ma 'o ssape, o no, ca 'e llire 'e llasse ccà?!

'A morte è una, 'e mezze sò tante
ca tene sempe pronta sta signora.
Però, 'a cchiù trista è "la morte ambulante"
che puòò truvà p' 'a strada a qualunch'ora
(comme se dice? ... ) pe fatalità .

Ormai per me il trapasso è na pazziella;
è nu passaggio dal sonoro al muto.
E quanno s'è stutata 'a lampetella
significa ca ll'opera è fernuta
e 'o primm'attore s'è ghiuto a cuccà .

Toto'


*per chi non è napoletano , gaetano,fondino ,itriano :

Lo Schiattamorto, noto, nella lingua dialettale partenopea e dintorni, con l’etimologia “Schiattamuòrto”, indica secondo le credenze popolari una persona di malaugurio, simboleggia l’arrivo della morte, dato che il suo compito è quello di prelevare i defunti. Lo schiattamuòrto non è altro che il “becchino”.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
20/03/2012 03:43 - 20/03/2012 03:50 #12051 da Nocerino
La storia del Brezel detto Pretzel.

Per L'arrivo della Pasqua ci tengo scrivere l'Origine.

Si racconta che sia il cibo da merenda piu' antico del mondo. La sua origini si colloca nei monasteri del sud della Francia e del nord Italia, intorno al 610, dove i monaci producevano con i resti dell'impasto delle striscioline che ricordavano le braccia di un bambino incrociate a mo' di preghiera. I tre buchi che si formavano, rappresentavano la Santissima Trinita'
I monaci davano i brezel come premio ai fanciulli che imparavano a memoria versi e preghiere della Bibbia. Furono chiamati per tal motivo pretiola, ovvero ricompensa, e poi italianizzati come brachiola. In seguito i pretiola attraversarono le Alpi e in Germania divennero conosciuti come brezel. Prima consumati mezzi crudi, divennero tostati grazie a un fornaio che si addormento' sul posto di lavoro.
Ritratti in un libro di preghiere, si dice che fossero augurio di fortuna, prosperita' e completezza spirituale. Divennero anche' cibo pasquale in Germania nel 1450.
L leggenda racconta che i brezel arrivarono nel nuovo mondo sul Mayflower; e' certo comunque che i brezel arrivarono in America nel 1710, grazie agli immigrati tedeschi.

Questa foto e Il brezel in una raffigurazione medievale del 1190



Allegati:
Ultima Modifica: 20/03/2012 03:50 da Nocerino.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.294 secondi