Coloni che con il loro impegno e le loro competenze la resero quel Paese civile e felice di cui abbiamo potuto godere sino alla sconfitta della Seconda Guerra Mondiale.
Associazione che non

littorina massaua

 ha classificazione giuridica o organizzativa, non è razionale ma continua la sua opera perché si fonda sui ricordi e sentimenti comuni.Teatro Asmara1 La presenza Italiana, nonostante le traversie della Storia, dura in quelle terre, dall’apertura del Canale di Suez al rimpatrio forzoso a seguito della Rivoluzione Etiopica (1868-1975) quindi per oltre un secolo; tempo più che necessario a cementare i legami che Mai Taclì vuole conservare e tramandare.
Un legame che si basa solo sul fatto di aver vissuto in quelle terre, in quel modo; non sul sangue quindi o sulla religione o sul credo politico. Un sentimento strano che gli interessati coinvolti chiamano “Asmarinità”, 

maitacli Asmara Cinema Impero 2

da Asmara, e con questo spiegano tutto. Per gli altri, se han voglia, il sito si spera possa aiutare a comprendere.
Tanto difficile spiegarne l’essenza quanto facile invece è spiegarne la funzione che svolge Mai Taclì. Un gruppo di ragazzi rientrati in Patria decide di non disperdersi e fonda un circolo “La Croce del Sud” e successivamente Mai Taclì (1966) 

Asmara Nefasit

dal luogo dove si riunivano, in Eritrea presso l’azienda agricola del papà di uno di loro (Causarano).
Compito del Mai Taclì è stato quello di classificare tutti gli Asmarini, pubblicarne i recapiti, aggiornandoli, come una sorta di anagrafe, finché le leggi sulla riservatezza non lo hanno reso più difficile per consentire di ritrovarsi ed una volta all’anno di riunirsi per qualche giorno.
Mai Taclì come organo di stampa bimestrale, esce per la prima volta nel 1976 a cura di Marcello Melani, che faceva parte del gruppo fin dalla sua fondazione e ci terrà compagnia e verrà atteso con grande interesse dalle nostre famiglie fino al mese di maggio del 2012.

Concessione De Nadai

Alla scomparsa di Marcello Melani, di questo grande, che personificava “l’associazione o la fratria”, chiamatela come volete, tutto sembrava perso; ma l’Impegno di Wania Masini e altri che costituivano il nucleo centrale, ha fatto in modo che qualcosa sopravvivesse.
Wania da sempre collaboratrice di Marcello ed amica di tutti ha consegnato, per l’archiviazione, le annate del Giornale alla Biblioteca Africana di Giancarlo Stella considerando, a ragione, che fosse la migliore delle soluzioni dato che la biblioteca, seppur privata, è la più grande d’Italia. Wania, poi, ha ottenuto l’inserimento di quattro pagine del Mai Taclì nel “Il Reduce D’Africa” organo di stampa dell’A.N.R.R.A. (Assoc. Naz. Reduci e Rimpatriati dall’Africa) ed ha affidato il Sito che lei stessa seguiva, ad un professionista. Provvedimenti presi perché Mai Taclì potesse sopravvivere.
Ma è soprattutto ovvio che la sopravvivenza di Mai Taclì dipende da tutti noi “Asmarini”: d’origine o di adozione che dobbiamo contribuire a mantenerlo così come abbiamo fatto con grande entusiasmo per il passato.

 

GRAZIE! ED AUGURI, 
QUINDI, DI BUONA LETTURA

BUONA VISIONE E CHE IL SITO SERVA, 
OLTRE CHE A CONSERVARE I LEGAMI,
A COLMARE, NEI CURIOSI, 

QUALCHE LACUNA NELLA CONOSCENZA DI QUEI TEMPI E DI QUEI LUOGHI.
hm coccarda

 

Sostieni Maitaclì

€ 1200
donation thermometer
donation thermometer
€ 120
donation thermometer
10%
aggiornato
16/01/2024

Aiutaci a raggiungere l'importo necessario per sostenere il sito web

SOSTIENICI

Follow Us

Nova Scotia

cercasi

 

...in ricordo di 

MARCELLO

 

Newsletters