Perché Mai Taclì?

Dopo il rimpatrio nel 1950, per la verità, dopo il trasferimento in Italia, perché sono nato all’Asmara, avevo sempre continuato a mantenere i rapporti con i compagni delle medie e del liceo. Con alcuni fraterni, con altri epidermici, ma sempre affettuosi.

L’Università prima, l’inserimento poi nella vita italiana, mi avevano costretto a rallentare i contatti “fisici”, e la progressiva scollatura, mi aveva indotto, e non poche volte, ad affermare che il “mal d’Africa” altro non era che una vuota espressione letteraria vanamente retorica, o nel migliore dei casi una manifestazione evidente di arteriosclerosi. Un giorno alla radio risentii una canzone: “Brasil” in edizione originale di Xavier Cugat. Mi trovai di colpo proiettato in aula, in prima liceo. C’era il professor “Papaia” per chi lo ricorda, che faceva lezione, e Nello Frosini. Lui tambureggiava sul banco il tempo e io canticchiavo la melodia.

La caduta del silenzio improvviso _ sapete tutti come succede: un gran baccano e all’improvviso “il silenzio” – ci sorprese, e fra le risate degli altri finimmo sbattuti fuori. Ebbene lo stomaco mi si contrasse e fui pervaso da uno struggimento improvviso. Era il “Mal d’Africa”? No, no, certamente! Ero solo, di sicuro il “rimbischerimento”! Ma tanto bastò. Mi sfilarono davanti tutti. E sentivo, vi assicuro, l’odore “d’Asmara”: degli alberi del pepe, del grano dietro la casa di Giulio Mariano, di Bet-Gheerghis, di Basciaul, della muffa sui massi al lago d’Acria, l’American Bar. Come sto facendo ora, presi carta e penna e di getto contattai i più cari, quelli del cuore, per una riunione di amici asmarini a Firenze. Mi costò non poca fatica, perché a me era rimasto intriso nel naso in quel momento l’odore di Asmara, ma a loro no. Un po’ di insistenza e il male oscuro riesplose contagiandoli.

Si tenne la riunione: eravamo pochi. Piero Benvenuti, Pippo Belluso, Salvatore Carta, Domenico Causarano, Nello Frosini, Scipione La Sorte, Marcello Melani, Luigi Ramponi ed Umberto Volta.

Tutti compagni di ginnasio e di liceo. Ci riunimmo il 17 aprile del 1966 “a Feriolo”, un ameno poggio sulla collina fiorentina e fondammo la “MAI TACLI’”. Era il nome di una piantaghione di caffé, che nel bassopiano eritreo aveva il padre di Causarano, il signor Pellegrino,. In tigrino vuol dire: “acqua pulita, o acqua di fonte fra le piante”. Il nome era adeguato ai sentimenti che in quella occasione ci pervadevano. In più la considerazione che l’avere avuto una piantagione in Africa potesse essere il desiderio più o meno nascosto di tutti, ed almeno per noi il rimpianto di non averla posseduta, il dare alla nostra associazione il nome di quella dell’unico fra noi che l’aveva avuta, sarebbe servito a rendergli meno amaro il ricordo di averla perduta. Lo scopo semplice dell’associazione era: promuovere ed organizzare incontri periodici fra noi, coltivare il sentimento della nostra amicizia; promuovere ed organizzare un giorno una gita a Mai Taclì.

In seguito indicemmo, con Marcello Melani, una seconda riunione. Questa volta eravamo di più. Vi parteciparono: noi della Mai Taclì e ancora: Ada De Nicolai, Vittorio Bellucco, Giuseppe Mancini, Franco Malpeli e la moglie, Paolo e Renzo Melani, Mario Maccari e Gino Colombatto. Successe nelle vacanze fra il Natale e Capodanno del 1969. Tutto magnifico! Nel marzo successivo ricevetti da Roma una circolare di Fratel Tullio: mi comunicava che a Roma si era costituita una associazione di ex alunni delle scuole dei Fratelli Cristiani, ma il tentativo di riorganizzare un più largo incontro non credo ottenne un vasto consenso. In questi giorni, infine, Marcello Melani, a Milano per ragioni di lavoro ha fra l’altro incontrato i coniugi Girlando, asmarinissimi, i quali lo hanno messo a conoscenza dell’esistenza e delle attività di un’altra associazione di asmarini.

Questa volta una vera e riuscita iniziativa. Dall’incontro è scaturita l’idea di stampare un giornale con lo scopo di divulgare l’esistenza di queste associazioni, avere notizia di amici e conoscenti persi di vista, corrispondere fra noi, riordinare le fila per la concretizzazione di idee spesso rimaste allo stato di puro desiderio. Io colgo subito l’occasione per sapere notizie di Pierino Camisasca, di Trillo Reffo, di Carlo Pollera, del mai dimenticato Carlino Pigliapoco. É inutile dire perché: sono tante le cose che i loro nomi mi fanno tornare alla mente, che dovrei occupare troppo più spazio di quello concessomi per queste brevi note. Sapere di più di noi, dunque. Anche di quelli che sono oggi più noti: di Nando Cicero, il regista (Nando amico mio, “como tu dentro mio campo...”)., di Gianni Bisiach per me, di Nico Fidenco (Domenico Colarossi, se non vado errato) di Anna Maria Miserocchi, di Renato Carosone, per altri. Non sappiamo mai niente di niente ed immaginare il sorriso di un amico è come avere la certezza che egli stia bene.

Ecco dunque perché nasce MAI TACLI’.

C’è sempre un po’ di gelosia per le proprie cose. Spero che il nucleo sorto a Firenze non ce ne voglia per avere usato questo nome per il giornale. Lo scopo è meritevole. Quanto al “Mal d’Africa” fate un po’ come credete. Male oscuro o “rimbischerimento” è qualcosa che ci emoziona e ci commuove.

E tanto basta.

Dino De Meo

Sostieni Maitaclì

€ 1000
donation thermometer
donation thermometer
€ 637
donation thermometer
64%
aggiornato
12/10/2018

Aiutaci a raggiungere l'importo necessario per sostenere il sito web

La nostra Redazione

redazione

googleplay modulo

promo

Follow Us

giweather joomla module

Nova Scotia

cercasi

 

...in ricordo di 

MARCELLO

 

Newsletters