Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

AVEYRON, 21 agosto 1884

di Raffaele Laurenzi

 aveyron

Agosto 1884, un piroscafo francese lascia il Golfo del Tonchino, conteso alla Cina, per riportare in patria i legionari feriti o malati. È l’«Aveyron», varato nel 1866 dai cantieri di Cherbourg, in Normandia: un bel «trealberi» di 87 metri, 3878 tonnellate di stazza lorda, con vele quadre, fiocchi a prua e randa aurica a poppa per una superficie complessiva di 2000 metri quadrati. La caldaia, alla pressione di 2,5 atmosfere, alimenta una macchina a due cilindri capace di spingere la nave a 12 nodi.

Il 20 agosto l’«Aveyron» è in rotta di avvicinamento alla costa migiurtina: per accedere al golfo di Aden dovrà passare attraverso il canale compreso tra capo Guardafui a est e l’isola di Socotra a ovest. Le carte nautiche poco dettagliate e l'inesperienza di quelle acque ingannano il comandante Michelin, che stima una posizione e una rotta lontane da quelle reali. Il 21 agosto la chiglia dell’«Aveyron» si schianta sulle secche di capo Guardafui, a un tiro di schioppo dal relitto di un altro vapore francese, il «Mekong»: altra preda del «leone in agguato», altro regalo ai pirati.
La notizia del naufragio giunge presto a Parigi grazie al telegrafo, che attraverso un cavo sottomarino collega Londra con Gibilterra, Malta, Suez e Bombay.

Da Parigi, la notizia rimbalza il Italia. Il 25 agosto 1884 il «Corriere», dopo aver riferito delle missioni condotte dalle cannoniere francesi nella guerra contro la Cina, scrive: «Il trasporto “Aveyron”, reduce da Saigon, naufragò a Capo Guardafui: 226 ufficiali e soldati [soccorsi prontamente dal battello tedesco “Massalia”, n.d.r.] arrivarono ad Aden, 300 rimasero sul luogo del disastro.»

Il giorno seguente la nave inglese «Lord of the isle» prende a bordo i restanti naufraghi e trasferisce anche questi ad Aden.

L’«Aveyron» è abbandonata. Come un branco di piranha, i sambuchi migiurtini l’attaccano da ogni lato e in pochi giorni lo spolpano completamente. Per mesi, sui mercati del golfo di Aden si potranno acquistare pezze di cotone olona, posate, suppellettili, pentolame, coperte, lampade a petrolio predati dall’«Aveyron»; ma anche letti, armadi, tavoli, ottoni, rami, bussole, canapi...

Sulla costa di capo Guardafui opera il più fornito e famoso bazar del Corno d’Africa.

 

 

La nostra Redazione

redazione

Sostieni MaiTaclì

€ 1000
donation thermometer
donation thermometer
€ 206
donation thermometer
21%
Aggiornato
16/04/2018

Aiutaci a raggiungere l'importo necessario per sostenere il sito web

googleplay modulo

promo

Follow Us

giweather joomla module

Nova Scotia

cercasi

 

...in ricordo di 

MARCELLO

 

Newsletters